LO SPORT PISTOIESE SCENDE IN PIAZZA

Protesta pacifica dello Sport pistoiese, che oggi alle 17.00 si è riunito nella piazza della città di fronte alla casa comune per esprimere al Sindaco tutte le difficoltà che ogni giorno i nostri atleti devono affrontare. Bertinelli è sceso in piazza, ha affermato di essere a conoscenza di una situazione senza dubbio critica, ma ha sostenuto di non dover essere l’unico ad accollarsi i costi per l’impiantistica. Ha chiamato in causa CONI e Provincia, il primo poco disposto a investire fondi che avrebbe in abbondanza, la seconda ormai al dissesto.
Tutte le categorie hanno consegnato una lettera al primo cittadino, che si è impegnato a leggerle e a fissare un incontro collettivo con i rappresentanti di ciascuna di esse. 
Anche noi eravamo presenti e abbiamo consegnato la nostra lettera.

sport

APERTURA DEI LAVORI NEI CLUBS LIONS

Conclusa la lunga settimana dell’apertura ufficiale dei lavori dell’annata 2016/2017 di diversi Club Lions del Distretto. Ho partecipato con piacere  all’apertura del Lions Club Firenze Pitti a Villa Tolomei, a quella di Quarrata ai 500, che ha festeggiato anche la Charter e ha avuto la visita del Governatore, a quella di Pistoia a Villa Zaccanti e a quella di Poggio a Caiano, Carmignano, Valli Medicee nella splendida Villa La Ferdinanda a Artimino. Ciascun Presidente ha esposto il programma di service che il suo Club si appresta a realizzare da qui al prossimo luglio. Iniziative tutte interessanti, utili e soprattutto finalizzate alla presenza dei Lions sul territorio, nello spirito del WE SERVE. Il prossimo 10 ottobre apriremo ufficialmente i lavori anche del nostro Club Serravalle P.se, malgrado il primo service lo abbiamo già portato a termine lo scorso 4 settembre con Un Cavallo per Amico, la ippoterapia per i giovani con disabilità.

liion

AI WEIWEI MI E’ PIACIUTO A PALAZZO STROZZI

A dispetto della prima opinione negativamente costruita sulla base della bruttezza dei canotti appesi alla facciata di Palazzo Strozzi, mi devo ricredere e affermare che la mostra, inaugurata ieri a Firenze, “Libero” di Ai Weiwei è veramente bella. In una decina di sale l’artista cinese riesce a raccontarci un’esistenza di oppositore e bohémien e la realtà di un’epoca e di un regime. Interessante l’idea di utilizzare Palazzo Strozzi per l’arte contemporanea, sottraendolo un po’ al limite di essere il fratello povero degli Uffizi con mostre di contorno.

1 mossstra

LA FESTA DEL VINO DI MONTECARLO

Non ero mai stata alla Festa del Vino a Montecarlo di Lucca, quest’anno, su invito del Sindaco Fantozzi, che ringrazio per la gentile ospitalità, ho partecipato con alcuni amici a una delle serate a tema.  Si parlava di patologie neurologiche, con l’intervento di specialisti che hanno sottolineato l’importanza del consumo, moderato, di vino soprattutto rosso, nell’alimentazione. I vini che hanno accompagnato la meravigliosa cena nel chiostro Pellegrini-Carmignani erano certamente squisiti. Impegnata, elegante, ma anche divertente la serata, con il travolgente umorismo di Ivano Fantozzi che, fra una battuta e l’altra, ha annunciato l’uscita del suo prossimo libro.

vino

PRESENTATO IL LIBRO DEL PROF. BARBERO NELLA VILLA DELLA DELLA CONTESSA DI CASTIGLIONE

contessa

Interessante conferenza del Prof. Alessandro Barbero nella villa della Contessa Virginia Oldoini sulle colline di La Spezia. Lo storico, noto per le sue presenze in numerose trasmissioni, ha raccontato la vita, farcita di curiosità, aneddoti e contraddizioni del cugino della Contessa di Castiglione, il Conte Camillo Benso di Cavour, Ministro della Real Casa Sabauda in epoca risorgimentale. Con l’occasione è stato presentato al pubblico il nuovo libro di Barbero “Donne, Madonne, Mercanti e Cavalieri” che esamina quattro figure medievali.

RENZI IL TOSCANO FA BRECCIA SUL POPOLINO, MA ALLA VERSILIANA NON MI CONVINCE.

Oggi alla Versiliana ho ascoltato il Presidente del Consiglio al Caffè, poi ho visto La Vedova Allegra in teatro. Non era facile distinguere quale fosse l’operetta!!! 
Renzi è abile nelle risposte, ma assomiglia sempre di più a una caricatura, è proprio adatto al popolino che si spella le mani per applaudire a ogni banalità populista che ci propina, corredata da un umorismo tutto toscano che produce sempre il suo effetto. In pochi però applaudivano, i più hanno ascoltato senza sbilanciarsi troppo, mentre qualcuno gli ha dato di Pinocchio. Mi è sembrata la considerazione più realistica, specialmente quando ci ha spiegato il quesito referendario d’autunno. Ha sottolineato bene tutti i motivi per i quali votare sì, molti condivisibili, peccato si sia dimenticato di citare anche tutte le altre nefandezze (per esempi l’estensione dell’immunità a tutti gli eletti, non solo ai Parlamentari) inserite nel testo da sottoporre ai cittadini, nascoste nella lunghezza e nella complessità del quesito unico.
Deludente anche Del Debbio che lo intervistava, solitamente arguto e pungente, stasera si è inginocchiato davanti al Presidente del Consiglio e lo ha lisciato con i guanti di velluto. Mah, visti i sistemi alla Erdogan usati da Matteo con diversi giornalisti non allineati, anche Del Debbio avrà paura di rimanere disoccupato!!!!!!!

Collage_Fotorfer

LA RICORDERO’ COME FANCIULLA DEL WEST

E’ stato un grande dispiacere apprendere della morte della Soprano Daniela Dessì. Non sapevo della sua malattia e non mi aspettavo che una donna giovane, bella, oltre che bravissima se ne potesse andare così. La conobbi nel 2010 quando interpretò Fanciulla del West all’apertura della stagione del Pucciniano, anno in cui se ne celebrava il Centenario. Fu una prima particolare quella del 2010, era in corso il progetto, bellissimo, Scolpire l’Opera e quell’anno l’artista scelto per gli allestimenti fu Franco Adami, mentre la regia fu affidata alla tedesca Kirsten Harms, una produzione fuori dagli schemi, che andava valutata nell’ottica giusta. E’ di pubblico dominio  che ricevette qualche fischio, ma sugli artisti non ci furono dubbi e per la signora Dessì l’ovazione fu generale. Una stella che adesso brillerà in cielo e che lascerà qui un vuoto nel panorama lirico mondiale. Io la ricorderò come la vidi la prima volta,  bella e solare in un abito azzurro, quando, insieme al compagno d’arte e di vita Fabio Armiliato, giunse alla Villa di Chiatri per la serata di gala della presentazione della stagione lirica del Pucciniano. Pochi giorni dopo sarebbe stata una meravigliosa Minnie. 

Collage_Fotor

TRIANGOLARE PER LA CROCE ROSSA ITALIANA

Sabato 16 luglio allo Stadio Ferdeghini di La Spezia la Nazionale UNVS ha vinto il triangolare disputato fra Nazionale Giornalisti Rai, Nazionale Vigili del Fuoco e Nazionale Veterani dello Sport in memoria della incredibile e inattesa vittoria della squadra di La Spezia nella finale contro il Torino nel Campionato di Guerra del 1943-1944. L’incassso che ammonta a oltre 5000 Euro, sarà devoluto alla Croce Rossa Italiana. La nostra sezione di UNVS Pistoia ha partecipato all’evento con la partecipazione di tre soci convocati nella Nazionale Veterani: Simone Bucciantini, David Castrovillari, Alberto Tuci.

spezia16

PRIMA AL PUCCINIANO CON COLPO DI SCENA

Sempre emozionante la serata della Prima al Pucciniano, ma ieri sera in modo particolare, in quanto ha riservato diverse sorprese. Si è aperta con la Marsigliese, doveroso tributo alle vittime innocenti di Nizza. E’ iniziato il primo atto, un po’ sottotono e al termine si è consumata la protesta del Direttore, il Maestro Alberto Veronesi, nonché Presidente del Festival Pucciniano da un anno,  il quale ha annunciato di interrompere la direzione, motivando il gesto con l’indignazione per i fatti di Nizza e per ‘l’attentato’ (così lo ha definito) avvenuto a Viareggio ai danni del Sindaco Del Ghingaro, sostituito da un commissario prefettizio, a seguito della sentenza del Tar, che ha invalidato le elezioni del maggio 2015 per irregolarità nel conteggio delle schede. Fischiato dal pubblico, che non ha condiviso il gesto e soprattutto ha ritenuto inopportuno accostare la caduta di un sindaco ai luttuosi eventi francesi, Veronesi ha lasciato il Teatro e ha consegnato la bacchetta a un sostituto, il Maestro Lorenzo Castriota, che ha egregiamente portato a termine la rappresentazione. L’opera è andata avanti, bravi gli artisti, dopo tanti anni di frequentazione del Pucciniano per la prima volta ho assistito anche a un bis, concesso dal Soprano sul Vissi d’arte. Gradevole la regia di Vanzina, all’insegna del tradizionale. Una scelta forse azzeccata per il pubblico di Torre del Lago che spesso, in passato, ha mostrato poco entusiasmo verso esperimenti troppo innovativi. A parer mio Vanzina avrebbe dovuto osare un po’ di più e il tocco dell’artista sarebbe dovuto uscire con maggior forza. La Prima è andata. Adesso vedremo cosa accadrà, quali saranno le conseguenze per Veronesi e per i membri del Consiglio di Amministrazione e di Indirizzo, riunitisi già ieri pomeriggio per stabilire la linea da tenere a seguito dell’insediamento del Commissario.

tosca16Collage_Fotor